Servizi

Risoluzione Contrattuale
Dicembre 28, 2018
Comodato
Dicembre 28, 2018
Show all

Lettera di diffida

35,00

Breve descrizione  Diffida o Messa in Mora

Descrizione

Diffidare significa invitare qualcuno ad astenersi dal porre in essere un determinato comportamento lesivo di un nostro diritto o, al contrario, invitarlo a compiere una certa attività al fine di soddisfare sempre un nostro diritto.

A cosa serve:
Lo scopo della diffida è, pertanto, quello di sollecitare il destinatario a compiere o non compiere ciò che gli si chiede, dandogli “un’ultima possibilità” prima di ricorrere in Tribunale o di procedere alla risoluzione di un contratto per inadempimento.

Indicazioni generali:

La richiesta indicata nella diffida può consistere in un obbligo di dare, fare oppure non fare qualcosa. 

Non è necessario che la diffida venga scritta ed inviata da un avvocato anche se quella proveniente da uno studio legale è probabilmente più incisiva, in quanto è più facile credere che, se non ci si attiene al comportamento richiesto, si subirà in un’azione legale.

La diffida non è un atto obbligatorio, a meno che non sia espressamente previsto per legge. Cioè accade quando si vuole ottenere la risoluzione di un contratto.  Negli altri casi essa è comunque consigliabile, in quantopuò tornare utile in sede di giudizio per dimostrare che si è tentato di trovare una soluzione al problema anche fuori dalle aule del Tribunale (ciò, in particolare, ai fini dell’eventuale condanna alle spese o anche in sede di quantificazione di un possibile risarcimento dei danni). In alcuni casi, inoltre, l’inerzia consistente nel mancato invio della diffida potrebbe essere considerata perfino quale tacita acquiescenza all’inadempimento dell’altra parte e comportare, quindi, l’impossibilità di pretendere, poi, l’esecuzione di quanto dovuto.

 

Il termine per adeguarsi a quanto richiesto:

Per le diffide ad adempiere, il codice civile parla di un termine minimo di 15 giorni da assegnare alla controparte affinché questa esegua quanto gli è stato richiesto. Tuttavia in giurisprudenza si è ritenuto che tale termine possa essere ridotto quando la natura della prestazione è particolarmente semplice o che, al contrario, possa essere aumentato se la prestazione è particolarmente complessa e non è verosimilmente eseguibile nell’arco delle due settimane.

 

Effetti della diffida:

Decorso il termine indicato in diffida, la parte avente diritto potrà adire il Tribunale competente dichiarando di aver fatto tutto il possibile per risolvere il problema senza interpellare il Giudice.

Un’ipotesi in cui la diffida produce un effetto più concreto ed immediato, si verifica, invece, quando, nell’ambito di un contratto, persistendo l’inadempimento oltre i termini indicati in diffida, la parte richiedente non avrebbe più interesse alla prestazione (si pensi ad esempio ad una concessionaria che abbia ritardato così tanto la consegna di una vettura da aver costretto l’acquirente a comprare un’altra automobile). In tal caso il contratto può essere unilateralmente sciolto senza la necessità di ottenere un provvedimento del giudice. Ma attenzione! Per poter ottenere la risoluzione del contratto, l’inadempimento deve essere grave e cioè tale da rendere ormai inutile la prestazione.

Un altro importante effetto che si ottiene con la diffida è quello di interrompere la prescrizione. Molti diritti, infatti, non hanno durata illimitata e non possono essere fatti valere oltre il decorso di specifici termini indicati dalla legge. La diffida ha proprio la funzione di bloccare questi termini e farli decorrere nuovamente da zero, a partire dal giorno successivo al ricevimento della diffida.

 

Differenza con la messa in mora:

Un breve cenno merita, per offrire un maggiore chiarimento, la differenza fra messa in mora e diffida ad adempiere. Molto sommariamente, si può dire che la differenza sta nel risultato che si vuole perseguire: mentre con la diffida ad adempiere, l’obiettivo è quello di comunicare che, se la prestazione non verrà eseguita entro un dato termine, il creditore non avrà più interesse all’esecuzione del contratto e questo sarà risolto di diritto, con la messa in mora l’obiettivo è quello di ottenere la prestazione e si concede un termine oltre il quale si agirà in via esecutiva al fine di raggiungere detto scopo.

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

WhatsApp Assistenza Tecnica su WhatsApp